Teatro di Rifredi

PUPI E FRESEDDE - TEATRO DI RIFREDI

LE TRE VERITÀ DI CESIRA

di Manlio Santanelli
regia di Angelo Savelli
con  Gennaro Cannavacciuolo
e la silente partecipazione di Pietro Grossi

 

Durata dello spettacolo 65 minuti

Lo spettacolo

"Le tre verità di Cesira" di Manlio Santanelli è un monologo comico nel quale la protagonista - una venditrice di limonate nei vicoli della Napoli dei quartieri spagnoli - racconta a uso e consumo di un supposto cameraman del telegiornale tre diverse versioni a giustificazione della presenza di un folto paio di virilissimi baffi sul suo “corpo di donna, femminile".
Tre racconti decisamente surreali, dove la comicità vira spesso verso il grottesco, aprendo squarci amari sulla verità… Ma verità di che? Verità della condizione esistenziale della protagonista? Verità della condizione sociale del sottoproletariato napoletano? Verità pirandelliana dell’ambiguità del linguaggio e della comunicazione umana?

La particolarità della messa in scena di Pupi e Fresedde consiste nell’aver affidato il personaggio della donna baffuta a un interprete maschile, il bravissimo Gennaro Cannavacciuolo, riconducendo questa Cesira all’interno di una lunga galleria di ritratti di “mostri ermafroditi”, di “matrone virili” di cui è ricca la tradizione napoletana dall’antica Opera Buffa fino ai vari De Simone, Ruccello e Moscato.
La nitida regia di Angelo Savelli, con pochissimi elementi scenici e una grande concentrazione sul testo e l'interprete, riesce nell’intento di far sposare il talento visionario di Manlio Santanelli con le capacità istrioniche di un Gennaro Cannavacciuolo in stato di grazia.

Nato nel 1990 come rappresentazione teatrale a domicilio - un'originale iniziativa di Pupi e Fresedde che intendeva riscoprire il piacere della comunicazione diretta tra attore e spettatore, portando il teatro direttamente in casa della gente - “Le tre verità di Cesira”, dopo centinaia di rappresentazioni in Italia e all’estero, ritorna adesso in scena con immutato smalto e rinnovato vigore.

 

ESTRATTTI STAMPA

La felice regia di Angelo Savelli cancella il dato realistico di superficie. E il tocco decisivo viene dalla straordinaria, sapiente e godibilissima interpretazione di Gennaro Cannavacciuolo.
Enrico Fiore (Il Mattino 23 gennaio 2004)


Siamo di fronte ad un bieco scherzo drammaturgico molto nelle corde di Santanelli e anche ad una prova d'attore in cui può eccellere un apolide dell'identità come Cannavacciuolo.
Rodolfo Di Giammarco (La Repubblica 7 maggio 2006)


Il testo è cosparso di crudeltà e piccole vere tragedie, un mondo emarginato e solitario che puzza di fiction e di voglia d'apparire, di uscire da quel buco nero senza sole. Cannavacciuolo è da spellarsi le mani.
Tommaso Chimenti (Il Corriere di Firenze 30 ottobre 2006)

Cannavacciuolo è bravo ad interpretare la vistosa venditrice d’acqua baffuta che, come gli zingari e teatranti, è un artista della menzogna. L’attore, con smorfie, ancheggiamenti, espressioni grottesche, offre, per il “tiggì” e per gli spettatori, tre “verità false”, che spiegano senza spiegare il perché del “difettuccio”.
Il suo racconto paradossale è un excursus fra miti e metafore di una Napoli “nera” ed affascinante, ironica e tragica, magica terra di fantasiose bugie, in  bilico fra superstizione e fede profonda.
Roberto Incerti (La Repubblica  5 ottobre 1990)

Una serata un po’ speciale, se a condurla è il garbo degli ormai collaudatissimi organizzatori di Pupi e Fresedde, col loro regista Angelo Savelli, e se la scelta cade su un testo curioso e fascinoso come “Le tre verità” di Cesira di Manlio Santanelli, autore gettonatissimo di queste nostre ultime stagioni di prosa, padrone di un linguaggio teatrale di fantasiosissima capacità evocatrice, violento e grottesco, ma sempre dominato da una superiore capacità di sovrintendere agli eventi dei suoi personaggi.
Sara Mamone (L’unità 6 ottobre 1990)

La magia di un testo firmato da Manlio Santanelli, uno dei “grandi” del teatro, ottimo interprete della tradizione napoletana con evidenti e solari omaggi al grande maestro Eduardo. Ma, altrettanto e forse ancora più grande, la magia di un uomo, Gennaro Cannavacciuolo, che tutte le sere adatta il suo corpo e la sua voce ad un teatro nuovo ed improvvisato, per dare vita ad un nuovo, commovente personaggio delle strade napoletane. Quando Gennaro Cannavacciuolo è uscito di scena sbattendo la porta ed ha concluso così lo spettacolo, si è levata una vera ovazione, con uno di quegli applausi  che è difficile dimenticare.
Francesco Niccolini (La Nazione 18 dicembre 1990)

Monologo grottesco, a tratti perfino drammatico, ma soprattutto infiorato da una straripante comicità tutta napoletana. Un testo ricco di intenzioni e di stimoli che Cannavacciuolo va assimilando, traendone cospicui risultati. Lo spettacolo è fresco, serrato, divertente; Cannavacciuolo si prodiga in panni donneschi, strappando sane risate.
Paolo Lucchesini (La Nazione 5 ottobre 1990)

Un monologo apparentemente comico quello scritto dall’emblematico autore napoletano che, sommato all’estro creativo di Gennaro Cannavacciuolo ha subito fornito al pubblico degli infiniti spunti ironici perennemente in gara con la più profonda e seria riflessione.
Giuseppe Giorgio (Cronache di Napoli 23 gennaio 2004)

Capace di giocare sempre con ironia sull'ambiguità del suo personaggio, Cannavacciuolo riesce a coinvolgere ed appassionare in un crescendo degno dell'antica tradizione napoletana.
Andrea D'Addio (Teatro.it  5 maggio 2006)

 

Link siti

https://www.rumorscena.com/10/05/2021/tre-verita-un-solo-luogo?fbclid=IwAR0FuV0gVpUByvYbCMckQ8XcM5QWh7eT2YVvHCvV__VVdtKhdafsJfoE0Tw

https://www.pennadoroilteatrodelleemozioni.info/2021/05/la-favola-dolceamara-di-cesira.html

https://www.lanazione.it/firenze/cronaca/cannavacciuolo-alla-ricerca-delle-tre-verit%C3%A0-1.6320235

https://www.lamescolanza.com/2021/05/05/teatro-tornano-le-irresistibili-tre-verita-di-cesira/

https://www.firenzespettacolo.it/bentornato-teatro-5669

https://www.nove.firenze.it/teatro-di-rifredi-in-scena-dal-7-al-13-maggio.htm

https://www.stamptoscana.it/il-teatro-di-rifredi-riapre-con-le-tre-verita-di-cesira/

https://www.youtube.com/watch?v=U_bnHDYZHd4

https://portalegiovani.comune.fi.it/urlnews/webzine/39339.html

 

http://met.cittametropolitana.fi.it/news.aspx?n=333050

 

http://www.inscenaonlineteam.net/2021/04/28/pupi-e-fresedde-teatro-di-rifredi-presenta-le-tre-verita-di-cesira-di-manlio-santanelli-7-8-9-e-12-13-maggio/?fbclid=IwAR0elzfjbRA_4lGuPvW0KPaql0NjZEXbhOfy3ccBPjMitznb6K4H8acKo_8

 

https://www.firenzepost.it/2021/04/28/firenze-il-teatro-di-rifredi-riapre-con-gennaro-cannavacciuolo-in-le-tre-verita-di-cesira/

 

https://www.okfirenze.com/news/cultura/1031098/quartiere-5-teatro-di-rifredi-torna-in-scena-le-tre-verita-di-cesira

 

https://firenze.gaiaitalia.com/spettacoli/teatro-rifredi-le-tre-verita-della-cesira-il-7-8-e-9-maggio/

 

https://www.paesesera.toscana.it/con-cesira-a-rifredi-si-torna-a-teatro/

 

https://www.corrierenazionale.it/2021/05/03/il-teatro-di-rifredi-riparte-con-cannavacciuolo/

 

https://www.radiotoscana.it/podcast/toscana-e-toscani-03-maggio-2021-gennaro-cannavacciuolo-le-tre-verita-di-cesira/

 

https://www.055firenze.it/art/205825/Il-Teatro-di-Rifredi-riapre-riporta-in-scena-Le-tre-verit-di-Cesira

 

https://www.rumorscena.com/04/05/2021/le-tre-verita-di-cesira-con-gennaro-cannavacciuolo-al-teatro-di-rifredi

 

Misure anti-Covid  19

Gli spettacoli avverranno nel rispetto delle Misure anti-Covid 19
È necessario presentarsi mezz’ora prima dell’inizio dello spettacolo per espletare le procedure anti-covid19
Non si può entrare in sala a spettacolo iniziato

Le poltrone in sala saranno disposte in modo tale da garantire il distanziamento
Per l'accesso in teatro verranno applicate le seguenti procedure:
-mascherina obbligatoria
-misurazione febbre
-igienizzazione mani
-registrazione del nome e numero di cellulare.

 

Contenuti