Teatro di Rifredi

Pupi e Fresedde Teatro di Rifredi

AD ORIENTE DI GOLDONI

conferenza spettacolo di Angelo Savelli
relatore Andrea Bruno Savelli
consulenza del Prof. Siro Ferrone
con Mauro D’Amico, Lidia Castella e Olmo De Martino
durata: 100 minuti (atto unico)

Lo spettacolo

La nostra conferenza-spettacolo propone un viaggio esemplare e divertente attraverso la vita e le opere di Carlo Goldoni (1707-1793), inquadrandole didatticamente all’interno del panorama storico, sociale e artistico della sua  epoca. Pochi artisti come Carlo Goldoni sono riusciti ad essere specchio della loro cultura e della loro società, in maniera così lucida, complessa ed efficace da travalicare il campo specifico del teatro per assurgere a testimoni e critici del proprio tempo. Fautore di una epocale riforma teatrale che consegnerà ai secoli successivi il grande teatro realista borghese, condivide con la sua epoca le contraddizioni tra spinte reazionarie e aspirazioni rivoluzionarie, tra moralismo e cinismo, e, nel teatro, tra gusti melodrammatici ed innovazioni realistiche, tra maschere e caratteri psicologici, tra lingua e dialetti.
Ma su ogni ambiguità trionfa la grandezza della sua scrittura teatrale, frutto di una lucida visione etica della drammaturgia e di una straordinaria conoscenza della tecnica teatrale appresa a diretto contatto con la  polvere del palcoscenico. Visto il profondo legame che unisce Goldoni a Venezia, e visto il profondo legame che lega Venezia all’Oriente, nella variegata produzione teatrale goldoniana non poteva certo mancare un confronto con il mondo orientale.
Questo tema è contenuto in maniera implicita in moltissime sue opere (attraverso citazioni di specifici fatti e costumi e con la presenza di personaggi orientali veri o travestiti) ma anche in maniera esplicita in una
decina di opere tra cui la più famosa è senz’altro “L’impresario delle Smirne” che chiude significativamente la nostra conferenza-spettacolo.

Contenuti